Mentre il valore di Bitcoin è aumentato di oltre un terzo da settembre, i gettoni DeFi sono andati a ruba. Questi sviluppi sono collegati?

Markets Science, l’utente di Twitter „Bitdealer“

Il co-fondatore dell’aggregatore di dati crittografici Markets Science, l’utente di Twitter „Bitdealer“, ha condiviso un grafico che indica correlazioni negative tra 11 top token DeFi e Bitcoin (BTC) negli ultimi 45 giorni fino al 1° novembre, con AAVE che mostra una correlazione neutra e UNI che mostra una confluenza inferiore a 0.1.

Sette dei 13 token DeFi sono risultati avere correlazioni negative anche con l’Etereum (ETH), nonostante l’Etereum alimenti gran parte dell’ecosistema DeFi. Con molti token finanziari decentralizzati in difficoltà, mentre il Bitcoin è aumentato di prezzo questa settimana, gli analisti hanno identificato una correlazione negativa più lunga tra i token DeFi e BTC.

Tuttavia, il settore ha trovato il suo plateau speculativo entro la fine di agosto, con il DeFi Composite Index di Binance che è passato da 1.100 dollari all’inizio di settembre a meno di 400 dollari al momento della scrittura. Anche l’indice DeFi Pulse Index (DPI) di TokenSet ha perso più della metà del suo valore da quando è stato lanciato a 130 dollari a metà settembre. I gettoni DPI sono stati scambiati per soli 61,55 dollari.

Nel frattempo, il prezzo di Bitcoin è aumentato di più di un terzo nell’ultimo mese, raggiungendo i 14.000 dollari alla fine di ottobre, dopo che il gigante dei pagamenti globali PayPal ha annunciato il suo ingresso nel settore dei cripto.

L’ingegnere dei pagamenti di Google, Tyler Reynolds

L’ingegnere dei pagamenti di Google, Tyler Reynolds, ritiene che l’azione rialzista nei mercati Bitcoin stia sottraendo capitale speculativo alla DeFi, notando che „i principali attori della DeFi“, tra cui Three Arrows Capital e Qiao Wang, hanno recentemente spinto „la narrazione di una dura rotazione in BTC“. Reynolds stima che fino a 50 milioni di dollari potrebbero aver lasciato il mercato DeFi, indebolendo la pressione sul buy-side dei mercati.

Il trader di Crypto „Flood“ ha fatto un punto simile sul Podcast di Coinist, dicendo che non aveva „tanta esposizione quanto [lui] avrebbe voluto su questo movimento verso l’alto“, e che pensa a questo come „una rappresentazione del mercato nel suo complesso“.

Anche l’attività commerciale sulle borse decentrate sembra essersi invertita, con un volume mensile di DEX che è passato da quasi 26,3 miliardi di dollari a settembre a circa 19,4 miliardi di dollari il mese scorso.

Solo una manciata di DEX ha una quota significativa del volume del settore, con Uniswap e Curve che rappresentano il 75% del commercio decentralizzato a settembre. Il volume degli ultimi tre mesi di Uniswap equivale al 45% del volume totale di DEX dal novembre 2019.